mercoledì 26 febbraio 2014

frittelle di mela rosa dei Monti Sibillini e semi di anice verde di Castignano

se il buongiorno si vede dal mattino alloraaaaaaa andiamo bene! no nel senso che, quando mi è arrivata l'altro giorno, la ricetta via mail, tramite mia cugina Maria Pia, giunta a Lei via telefono dalla suocera di Sassoferrato, che a sua volta è pervenuta nella cucina della suocera di mia cugina, dalla figlia della sua cugina veneziana...[un attimo che respiro]...ecco si, ci sono...riprendo il fiato...non chiedetemi come è approdata nelle mani della suocera di mia cugina che non lo so, ecco...dicevo che ero in uno stato a dir poco compiaciuto e sorridente! ma poi il "diavoletto" ci mette lo zampino (in questo caso mia madre) che mentre amalgamavo il tutto mi dice: "è troppo sodo l'impasto, aggiungi un po'di latte" . aggiungo, aggiungo, ai suoi ordini, rispondo! ;-) ma poi quando andiamo a mangiarle (le frittelle) l'impasto dentro era crudo! mannaggia, mannaggia e rimannaggia! riprendo tutti gli ingredienti senza scompormi, anzi più carica di prima e decido di cambiare pure qualcosina, facendo di testa mia! non aggiungo il latte e con il parere concordo di mia cugina e quello sfavorevole di mia madre al posto del rum metto il Varnelli, aggiungo un cucchiaino di anice verde di Castignano e sostituisco i pinoli con delle mandorle. mescolo bene il tutto e quando il composto è formato, vado a friggere nell'olio le frittelle per poi arrotolarle nello zucchero a velo. e finalmente dopo due tentativi le frittelle di mele rosa soooooono quiiii !! - veramente solo sul computer perché sono già finite! appena cotte sono una vera delizia - in tutto il loro splendore e profumo! quello aromatico della mela rosa dei Monti Sibillini e quello meraviglioso dell'anice verde di Castignano!


frittelle di mela rosa dei Monti Sibillini e anice verde di Castignano
(incrocio tra le  “fritole veneziane” e le“frittelle di mele”)

ingredienti:
300 g di farina 00
70 g di zucchero semolato
due uova
tre mela rosa dei Monti Sibillini (altrimenti le mele renette)
una bustina di lievito
40 g di mandorle spezzettate
un bicchierino di Mistrà Varnelli
la scorza grattugiata di un limone non trattato
un cucchiaino di semi di anice verde di Castignano
un pizzico di sale
un litro di olio di arachide per friggere
 
prendere una ciotola e versare la farina, lo zucchero, il lievito e un pizzico di sale. al centro formare una fontana e versare le due uova, grattugiare la scorza di un limone non trattato e cominciare a impastare con la forchetta. aggiungere all'impasto le mandorle spezzettate e le mele rosa tagliate a pezzetti. versare il bicchierino di Mistrà Varnelli e lasciare riposare 10 minuti. l’impasto deve risultare non troppo sodo ma nemmeno troppo mollo. nel frattempo mettere sul fuoco una padella con abbondante olio di arachide in modo che le frittelle vi galleggino bene dentro, e quando sarà ben caldo, ungete le vostre mani con dell'olio evo e prendete un po' dell'impasto e versarlo nell'olio. quando le frittelle avranno assunto un colore dorato, toglietele dal fuoco. metterle in un cabaret di cartone con carta assorbente da cucina e spolveratele con lo zucchero a velo.

GABRIELE D'ANNUNZIO - Carnevale vecchio e pazzo
Carnevale vecchio e pazzo
s'è venduto il materasso
per comprare pane, vino,
tarallucci e cotechino.e
mangiando a crepapelle
la montagna di frittelle
gli è cresciuto un gran pancione
che somiglia ad un pallone.
beve, beve all'improvviso
gli diventa rosso il viso
poi gli scoppia anche la pancia
mentre ancora mangia, mangia.
così muore il Carnevale
e gli fanno il funerale:
dalla polvere era nato
e di polvere è tornato.
 
 dolce carnevale a tutti :-)
 

martedì 4 febbraio 2014

crema di cannellini, ceci, aglio e anelli di cipolle arrosto con timo

le ricette che oggi vi propongo sono tratte dal libro “What Katie Ate” che in Italia è stato tradotto con “In cucina con Katie. Ricette e altri piccoli segreti”. in inglese vuol dire quello che ha mangiato Katie o quello che Katie ha mangiato. invertendo il soggetto il concetto è sempre quello! Beh vi domanderete ma chi questa Katie? per molte di noi foodblogger è una domanda semplicissima ma per chi ancora non la conosce e vuole sapere chi sarai mai questa Katie eccomi qui pronta! Katie è una fotografa irlandese che per anni ha lavorato in uno studio grafico. poi ha conosciuto suo marito Mick australiano e si è trasferita a Melbourne dove è stata assunta da un importante studio come Design Director. per anni si è domandata se quello fosse stato il suo vero lavoro nonostante le sue passioni per  il design. ogni giorno si trascinava al lavoro in maniera non soddisfatta come se ci fosse qualcos’altro che l’aspettasse dietro l’angolo senza capire cosa fosse. poi quando nel 2009 muore sua madre comincia a spronarsi  e mettere ordine nella sua vita. abbandona il suo lavoro grazie alla fortuna che le aveva lasciato la madre e il padre e comincia a pensare cosa fare. nei mesi successivi si rende conto che qualsiasi cosa fa gira intorno al cibo diventando sempre più una passione. decide così che sarebbe diventata la migliore pasticcera di cupcakes ma senza ottimi risultati, poi la migliore produttrice di biscotti glassati ma anche qui niente da fare, come pure la più brava sfornatrice di macarons ma neppure questo era il suo campo. dopo vari fallimenti e il morale a zero, una sera una idea la colpì! avrebbe unito la sua esperienza creativa con la passione per il cibo diventando una fotografa e food stylist. con questo entusiasmo comincia la sua carriera attrezzandosi di buone fotocamere, facendo dei corsi di fotografia, cucinando le ricette stagionali e sempre nuove. poi il suo tutor Mark Boyle gli suggerisce di aprire un blog on line chiamandolo “What Katie Ate e da qui il libro. è un libro fatto con foto dal colore marrone e nero, stile vintage e un po' retrò, dove il set non è perfetto nella mise en place. qui non c’è la perfezione del cibo posto nel piatto garbatamente, non ci sono macchie o gocce di unto nella teglia o nei piatti. qui ci sono le posate sporche del cibo che si è appena mangiato, pezzi di formaggio e gocce d'olio sulla tavola, limoni spremuti e cibo spezzato posti però in maniera chic. e questo per me la rende speciale! uno stile inconfondibile. molto lontano dallo stile perfetto, bianco e pieno di luce della fotografia che si trova in giro e che a me non dispiace affatto! ma questo modo di comunicare di Katie  in maniera diversa mi affascina. mi sento attratta dalle pagine di questo libro e non vorrei mai riporlo nella libreria. è come se avesse una calamita! mi invoglia e mi stimola a cucinare, ad assaggiare quel cibo. un libro da sfogliare ma anche da mangiare non solo con gli occhi!
preparazione della crema
una testa d’aglio in camicia
 
80 ml d’olio e.v.o.
400 g di cannellini
400 g di ceci
un limone e mezzo
un pizzico di peperoncino in scaglie
sale e pepe q.b.
preparazione delle cipolle
10 cipolle dorate piccole come quelle da fare sotto aceto
 
sale e pepe q.b.
olio e.v.o. q.b.
rametti di timo al limone
prendere una pirofila e mettere le cipolle con la buccia e la testa d’aglio in camicia con la calotta tagliata orizzontalmente. condire con sale e pepe e qualche rametto di timo al limone sopra le cipolle. arrostire in forno per circa un’ora. le cipolle devono essere leggermente caramellate e croccanti in superficie. togliere dal forno e lasciar raffreddare la testa d’aglio. prendere una ciotola e versare i ceci e i cannellini sciacquati e scolati, spremere la polpa tenera dell’aglio eliminando la buccia, aggiungere il succo di un limone e mezzo, il peperoncino a scaglie e l’olio d’oliva. frullare con un minipimer fino a che non si ottiene un composto leggermente granuloso. condire con sale e pepe e olio d’oliva e spalmare su dei crostini di pane. un hummus veramente delizioso.
devo dire che è la prima volta che mangio l'aglio arrosto e in questo libro è proposto anche con la carne cotta al forno. l'aglio crudo a me piace molto e cotto lo trovo ancora più delizioso e molto delicato. niente male proprio niente male :-)
 
a presto Carla